Omelie di don Leonardo Maria Pompei, 2019


Raccolta delle omelie di don Leonardo Maria Pompei tenute durante le Messe domenicali e festive dell'anno 2019
Usare santamente il tempo che abbiamo (prima che sia troppo tardi...)

Il “giorno del Signore” segnerà la definitiva separazione tra buoni e cattivi, giusti ed empi, santi e malvagi. Quel giorno va atteso non nell’ozio, nel quietismo o nel fatalismo, ma nell’operosità di opere buone e sante compiute con generosità e abbondanza e, soprattutto, con costanza e perseveranza. Omelia XXXIII domenica del tempo ordinario anno C, santa Messa festiva, 17 Novembre 2019

La straordinaria figura di Madre Speranza

La straordinaria testimonianza di vera santità della beata Madre Speranza, fondatrice del primo santuario al mondo dedicato all'amore misericordioso. Le esperienze mistiche. Le lotte contro il demonio. Le persecuzioni dalle autorità ecclesiastiche e la sua sempre esemplare e perfettissima obbedienza ad esse. La sua carità e capacità di perdonare. Omelia 16 Novembre 2019, in occasione del pellegrinaggio parrocchiale a Collevalenza

Ci credi o no?...

Crediamo davvero alla risurrezione dei morti? Ci poniamo realmente il quesito della morte e se dopo di essa c’è qualcosa o il nulla? Omelia domenica 10 Novembre 2019, XXXII domenica del tempo ordinario, anno C

Fede eroica fino al martirio

La fede nella risurrezione dei morti nell'eroica testimonianza dei sette giovani ragazzi israeliti del tempo dei Maccabei martirizzati al cospetto della madre che li incitava a sostenere il martirio. Un monito e un esempio che ci scuote dal pressappochismo, dalla tiepidezza e talora anche dalla trascuratezza delle basilari verità di fede. Omelia Sabato 9 Novembre 2019, XXXII Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Dinamiche di conversione

Lo straordinario ed emblematico esempio di Zaccheo è paradigmatico della duplice azione della grazia di Dio e della libera volontà dell'uomo nel processo di cambiamento e trasformazione di vita. Se si incontra davvero Gesù, tutto diventa facile, senza bisogno di troppe chiacchiere o prediche. Omelia Domenica 3 Novembre 2019, XXXI Domenica del tempo ordinario, anno C, S. Messa ore 10:30

Vivere in grazia di Dio

La vita cristiana è un cammino fondato sulla grazia di Dio che, se accolta e corrisposta, porta alle vette della santità. L'importanza di ricevere bene e con frequenza i sacramenti che si possono ripetere. Omelia Domenica 3 Novembre 2019, XXXI Domenica del tempo ordinario, anno C, S. Messa ore 8:30

Il Signore è l'amante della vita

I motivi perché Dio usa tanta longanimità e misericordia verso le creature, correggendole a poco a poco in vista del loro pentimento. Egli ama ciò che ha fatto e che, con la sua Provvidenza, conserva nell'essere. Mai potrebbe detestare o rinnegare un atto e un'opera della sua volontà. Ecco perché è paziente e longanime con i peccatori. Omelia Sabato 2 Novembre 2019, XXXI domenica del tempo ordinario anno C, santa Messa prefestiva

Santi? Se si vuole, si può!

La santità non è un cammino per pochi eletti ma la perfetta realizzazione di ogni desiderio di felicità autentica dell’uomo che solo in essa trova realizzazione. Basta volerlo veramente e a nessuno è precluso lo straordinario e avvincente cammino verso la santità. Omelia Venerdì 1 Novembre 2019, solennità di Ognissanti

Evviva il Paradiso (e abbasso halloween)

La grande solennità dei santi e il (vano) tentativo di oscurarla con feste e fenomeni che non appartengono alla nostra cultura, alla nostra tradizione ma hanno sinistri e oscuri contatti col detestabile e odioso mondo del nemico di Dio e dell’uomo. La gioia immensa di chi gode Dio, la serena speranza di chi attende la visione beatifica purificandosi dalle macchie e la buona battaglia che noi, sostenuti dall’esempio e dalle preghiere dei santi, sosteniamo quaggiù. Omelia 31 ottobre 2019, Messa prefestiva di Ognissanti.

La preghiera dell'umile penetra i cieli

Solo la preghiera dell'umile penetra i cieli. L'umiltà è verità ed è la retta conoscenza e percezione del nostro essere nulla davanti e migliori assolutamente di nessuno. Omelia Domenica 27 Ottobre 2019, XXX del tempo ordinario, anno C

Pregare sempre, senza stancarsi

La preghiera non è cosa da farsi saltuariamente, quando ci va o quando si sente, ma da fare con diuturna regolarità, costanza e perseveranza. La sapienza della Chiesa nell'insegnarci, fin da piccoli, le preghiere del mattino e della sera. La potenza del Rosario in famiglia. Omelia Domenica 20 Ottobre 2019, XXIX Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa ore 10:30

Pregare sempre, specialmente il Santo Rosario

Comprendere l'importanza della preghiera richiede una chiarezza e una profonda coscienza di alcune basilari verità di fede. Il mese di Ottobre e la potenza immensa del Santo Rosario, che è preghiera da farsi regolarmente e con costanza e perseveranza. Omelia Domenica 20 Ottobre 2019, XXIX Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa ore 8:30

Chi prega si salva, chi non prega si danna, chi prega poco è in pericolo

La preghiera è fondamentale per la vita cristiana. I due motivi fondamentali per cui pregare è indispensabile e occorre farlo con costanza e senza mai stancarsi: la nostra miseria e assoluta indigenza; il fatto che abbiamo un avversario, più forte di noi, che opera per la nostra rovina e non possiamo vincerlo senza l'aiuto e la grazia di Dio. Omelia Sabato 19 Ottobre 2019, XXIX Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Bestemmiare, lamentarsi, rassegnarsi, ringraziare o lodare?...

La lebbra e il suo significato simbolico. I vari atteggiamenti che si possono avere dinanzi alla realtà e, quindi, nei confronti di Dio: ritenerlo responsabile del male e quindi bestemmiarlo o lamentarsi; sopportare controvoglia affanni e angosce della vita, ma accusando Dio di non intervenire; imparare a vedere il molto bene da Lui ricevuto e, quindi, a ringraziare; accogliere il suo amore e cominciare ad amarlo fino ad essere capaci di lodarlo sempre e soffrire per Lui. Omelia Domenica 13 Ottobre 2019, XXVIII domenica del tempo ordinario, santa Messa festiva

Nessuno più grande di Lei

I tanti grazie che dobbiamo dire a Dio. Tra i molti dovuti, e tra i più grandi, c'è quello di ringraziarlo per aver creato la Madonna, tanto pura, tanto bella e tanto grande che solo Dio può scrutarla e conoscerla perfettamente. Guardare i suoi occhi con amore e lasciarsi guardare da Lei è il segreto più grande per raggiungere salvezza e santità. Omelia Sabato 12 Ottobre 2019, XXVIII domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Fai come se tutto dipendesse da te, sapendo che niente dipende da te

La fede libera ogni azione di Dio nella nostra vita e ci rende, con Lui, quasi onnipotenti per grazia. Il servo inutile è colui che sa che deve fare tutto e bene, ma che tutto dipende da Dio. Non si vanta, non si gonfia, non si ritiene né necessario, né utile, né tanto meno indispensabile, pronto a scomparire per dar posto a qualcun altro e conscio che ogni bene che dovesse fare è stato fatto grazie a Dio e mai grazie a lui . Omelia Domenica 6 Ottobre 2019, XXVII domenica del tempo ordinario, santa Messa festiva

Posso dire di avere fede?...

Il profeta Abdia mostra una serie di situazioni brutte, dolorose, drammatiche, in cui Dio sembra essere assente, non rispondere alle preghiere, essere in qualche modo latitante. Gesù conferisce alla fede la forza di sradicare un gelso e trapiantarlo in mare. La fede è vera quando aderisce senza dubitare alle verità rivelate, che comprende e mette in pratica e quando, a livello esistenziale, si abbandona con fiducia a Dio credendo che Egli ha sempre tutto sotto controllo, anche quando sembra tacere ed essere assente dai drammi che viviamo. Omelia Sabato 5 Ottobre 2019, XXVII domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Dare tutto per avere ancora di più

Lo stile dei figli di Dio è dare tutto, non per disprezzo dei beni, ma perché sanno che solo dando tutto si ha da Dio ancora di più e non solo nell'altra vita, ma anche in questa. Omelia Domenica 29 Settembre 2019, XXVI Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa ore 10:30

Uomini di Dio e uomini terreni

Il ricco epulone è l'immagine dell'uomo terreno, che vive solo per prendere e arraffare per sé, dimenticandosi dell'esistenza e delle sofferenze degli altri. San Paolo descrive come invece è "l'uomo di Dio": giusto, pietoso, pieno di fede e carità, mite e paziente. Omelia Domenica 29 Settembre 2019, XXVI Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa ore 8:30

La legge del Cielo e la legge dell'inferno

Il profeta Amos stigmatizza la vita dei ricconi spensierati e profetizza la fine dell'orgia dei buontemponi. Il ricco senza nome è l'immagine di una vita vissuta all'insegna della legge dell'inferno, ossia del pensare solo a se stessi. Perdere il nome significa disumanizzarsi. Le conseguenze orribili di tale degradazione. Omelia Sabato 28 Settembre 2019, XXVI domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Chi è fedele nel poco, è fedele nel molto

Dio vuole che tutti gli uomini accolgano la salvezza e la verità. In particolare quella chiara e impegnativa che Gesù propone sulla ricchezza, il suo uso sbagliato e quello invece conforme al Vangelo e al suo insegnamento, ricordando che non si possono servire due padroni: Dio e le ricchezze. Omelia Domenica 22 Settembre 2019, XXV domenica del tempo ordinario, santa Messa festiva

In che senso la ricchezza è disonesta?...

I due sensi in cui la ricchezza è definista "disonesta" da Gesù. Primo, perché spesso l'accumulo di grandi ricchezze avviene violando le leggi e soprattutto calpestando i diritti dei poveri e opprimendoli, come denunciò a suo tempo il profeta Amos. Secondo, perché che ingentissime ricchezze siano concentrate neille mani di pochi e ci siano persone che versano nell'indigenza è oggettivamente un'indigenza e un ricco che omettesse di donare ai poveri tratterebbe ingiustamente ciò che suo non è. La dottrina sociale della Chiesa e il principio di destinazione universale dei beni. Omelia Sabato 21 Settembre 2019, XXV domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Tu sei unico, prezioso e amatissimo

Le tre parabole della Divina Misericordia mostrano come ogni anima è unica e irripetibile agli occhi di Dio, come è per Lui preziosissima e quanto da Lui è amata con amore filiale che brama donarle il vero godimento di ogni suo bene. Omelia Domenica 15 Settembre 2019, XXIV domenica del tempo ordinario, santa Messa ore 10:30

I peccati di ignoranza

L'esperienza di san Paolo con la Divina Misericordia, che lo portà a dire con sicurezza che egli era il primo dei peccatori che Gesù era venuto a salvare. San Paolo, prima della conversione, fece molte cose oggettivamente brutte e gravi, ma non se ne rendeva conto, anzi pensava addirittura di rendere gloria a Dio. La tematica dei peccati di ignoranza e come deve essere affrontato questo delicato aspetto della vita spirituale e morale. Omelia Domenica 15 Settembre 2019, XXIV domenica del tempo ordinario, santa Messa ore 8:30

Meno male che qualcuno prega per noi...

Solo grazie alla potente preghiera di Mosè Dio rinunciò al proposito di sterminare il popolo di Israele colpevole del gravissimo peccato di idolatria. La preghiera di Mosè è figura della preghiera di Gesù che intercede per noi e di tutti coloro che ne perpetuano, sulla terra, le funzioni di sacerdote, capo e pastore. Omelia Sabato 14 Settembre 2019, XXIV domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Chi può immaginare cosa vuole il Signore?

Gesù afferma perentoriamente che può essere suo discepolo solo chi antepone a tutto e a tutti l'amore a Lui. Per entrare nella logica del Vangelo, occorre avere il cuore aperto e la mente sgombra da pregiudizi e preconcetti, perché nessun uomo può conoscere bene il volere del Signore, nè alcuno può immaginare cosa Egli voglia. Omelia Domenica 8 Settembre 2019, XXIII del tempo ordinario anno C, santa Messa festiva

Fatti umile e troverai grazia davanti al Signore

Solo chi è umile è gradito al Signore. Cosa sono l'umiltà e la mitezza. Due consigli molto concreti per acquisire l'importantissima virtù dell'umiltà. Omelia Domenica 1 Settembre 2019, XXII del tempo ordinario anno C, santa Messa festiva

Occorre passare per molte tribolazioni per entrare nel regno di Dio

La porta per entrare nel regno di Dio è stretta, a quanto Gesù insegna nel Vangelo: questa porta stretta è l’adesione sempre più grande e perfetta alla Divina Volontà. Soffriamo per la nostra correzione, attraverso le prove che la Divina Volontà vuole o permette nella nostra vita sempre per un bene maggiore o più grande. Omelia domenica 25 Agosto 2019, ventunesima del tempo ordinario, anno C

L'Assunzione: festa della Divina Volontà

Il vero nome della solennità dell'Assunzione dovrebbe essere "festa della Divina Volontà". Maria Santissima, infatti, nella sua vita terrena non conobbe e non fece altro se non il Divin Volere ed è questa la ragione per cui non poteva corrompersi quel corpo né fermarsi il palpito di quell'Immacolato Cuore che altro non amò se non Dio e il suo Santo Volere. Omelia Giovedì 15 Agosto 2019, solennità dell'Assunzione, S. Messa ore 10:30

Un po' di sano catechismo...

Dalla creazione dell'uomo all'Assunzione di Maria Santissima. La storia di un progetto divino, pensato e realizzato perfettissimo ma poi drammaticamente realizzato e, finalmente, perfettamente e straordinariamente realizzato nella Creatura più bella dell'universo, l'Unica che ha mostrato a Dio e a noi la bellezza della sua creazione: Maria Santissima. Omelia Giovedì 15 Agosto 2019, solennità dell'Assunzione, S. Messa ore 8:30

Il capolavoro dell'Altissimo

Maria Santissima fu l’unica creatura che diede a Dio la gioia di poter vedere perfettamente realizzato il suo progetto creativo sull’uomo e a noi la possibilità quanto sarebbe stata bella e perfetta anche la vita terrena se non ci fosse stato il peccato. Omelia Martedì 14 Agosto 2019, solennità dell’Assunzione, santa Messa della vigilia

A chi molto fu dato, molto sarà chiesto

La parabola del servo ubriacone. Il padrone di casa, la casa e il servo. Cosa significa il loghion di Gesù "a chi molto fu dato, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più". La vita è una cosa molto seria e non può e non deve essere vissuta con superficialità, pressappochismo o leggerezza. Omelia domenica 11 Agosto 2019, XIX domenica del tempo ordinario anno C, santa Messa delle ore 10:30

Il dono immenso e inestimabile della fede

La fede è il fondamento delle cose che si sperano e la prova di quelle che non si vedono. Abramo e i grandi testimoni della fede. La fede è il dono più grande, prezioso e inestimabile che ha ricevuto chi ha la grazia e il privilegio di essere stato battezzato nella Chiesa cattolica. Il dono va custodito e alimentato con cura, perché non sia perso fino a diventare causa di più severo giudizio. Omelia domenica 11 Agosto 2019, XIX domenica del tempo ordinario anno C, santa Messa delle ore 8:30

Dove è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore

Panoramica sulle letture della XIX domenica del tempo ordinario. La prima parte del Vangelo: prosecuzione degli insegnamenti della parabola sul ricco stolto. Se il mio cuore è in terra penserò ad accumulare tesori sulla terra; se il mio cuore è in cielo sarò distaccato del tutto dai beni della terra oppure imparerò ad usarli largheggiando in liberalità, elemosina e opere di misericordia. Omelia XIX Domenica del tempo ordinario anno C, Santa Messa prefestiva, Sabato 10 Agosto 2019

Insegnaci a contare i nostri giorni

La vita terrena è breve e passa presto. L'uomo deve interrogarsi sulla sua sorte ultraterrena, se esista davvero un altro mondo e come si debba vivere in questo per raggiungerlo. Altra cosa è arricchire e accumulare solo per sé, vivendo una vita egoistica, altro è arricchirsi davanti a Dio accumulando tesori e meriti per la vita eterna. Omelia Domenica 4 Agosto 2019, XVIII Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva ore 10:30

Piaceri umani o delizie divine?...

Ricchezze, piaceri e onori sono beni della terra e tanto graditi alla maggior parte degli uomini. Chi vive idolatrandoli oppure in funzione di essi perde le gioie e le delizie divine, non solo nell'altra ma anche in questa vita, autocondannandosi ad una vita infelice e piena di affanni e angustie. Omelia Domenica 4 Agosto 2019, XVIII Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva ore 8:30

Beni e ricchezze: risorse o intralci?...

Le ricchezze e i beni sono sovente un grandissimo idolo, che prende nel cuore dell'uomo il posto di Dio e porta a compiere, con la massima disinvoltura, gravissimi peccati. La vita cristiana non può non confrontarsi con molta attenzione ed estrema serietà con questo primario aspetto della nostra vita morale: l'uso delle ricchezze e dei beni, il nostro attaccamento ad essi, la nostra cupidiga o (peggio) idolatria nei loro confronti. Omelia Sabato 3 Agosto 2019, XVIII Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Cosa chiedere nella preghiera

La prima cosa che Gesù ci insegna a chiedere nel Padre nostro: di diventare santi! La simbologia nascosta dietro i tre pani chiesti a mezzanotte dall'amico importuno. Le simbologie dell'insegnamento di Gesù su cosa chiedere nella preghiere (serpe, pesce, uovo e scorpione). La conclusione: solo chi prega si salva. Omelia Domenica 28 Luglio 2019, XVII del tempo ordinario anno C

La vita di un cristiano vale tanto quanto la sua preghiera

La preghiera è il centro, la base e il cuore della vita cristiana. L'esempio di Gesù, che nel Vangelo di Luca è presentato anzitutto come grande e profondo Uomo di preghiera. La potenza della preghiera del giusto Abramo. Solo chi è umile prega e ama la preghiera. Omelia Sabato 27 Luglio 2019, XVII Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Prima essere e ascoltare... poi (molto poi...) fare e operare

I grandi insegnamenti contenuti nel grazioso episodio di Marta e Maria. Contestualizzazione storica e presentazione dei personaggi. Il primato del silenzio, dell'ascolto della Parola di Gesù e dell'essere sul fare e l'operare. Mai anteporre il fare alla preghiera e mai lasciarsi sopraffare da un agire affannato, preoccupato e disordinato che nulla ha di soprannaturale e nulla vale davanti a Dio. Omelia Sabato 20 Luglio 2019, XVI Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Prima essere e ascoltare... poi (molto poi...) fare e operare

I grandi insegnamenti contenuti nel grazioso episodio di Marta e Maria. Contestualizzazione storica e presentazione dei personaggi. Il primato del silenzio, dell'ascolto della Parola di Gesù e dell'essere sul fare e l'operare. Mai anteporre il fare alla preghiera e mai lasciarsi sopraffare da un agire affannato, preoccupato e disordinato che nulla ha di soprannaturale e nulla vale davanti a Dio. Omelia Sabato 20 Luglio 2019, XVI Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

La pace e la gioia di chi vive il Vangelo

L'invio dei 72 discepoli e il suo significato. Chi annuncia il Vangelo deve mostrare di crederci veramente e che il Vangelo è tutta la sua vita, perché è l'unica cosa davvero importante, anzi decisiva della vita. Omelia Sabato 6 Luglio 2019, XIV Domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Un solo Gesù, una sola Chiesa, un solo Papa

Il principio di unità è importantissimo per comprendere bene la natura profonda del Cristianesimo e della Chiesa. Uno è il nostro Salvatore ed uno solo chi lo rappresenta nei gradi gerarchici della Chiesa: uno è il Papa nella Chiesa universale, uno il vescovo nella Diocesi, uno il Parroco nella Parrocchia. Omelia sabato 29 Giugno 2019 solennità dei Santi Pietro e Paolo

Le riparazioni richieste dal Sacro Cuore

Il Sacro Cuore di Gesù e la spiritualità di riparazione. Le riparazioni richieste dal Sacro Cuore di Gesù: Comunione riparatrice nei primi 9 Venerdì, Ora Santa, comunione riparatrice e ammenda onorevole nella festa del Sacro Cuore. Loro motivazioni. Omelia Giovedì 27 Giugno 2019, solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, santa Messa della vigilia

Il significato dei simboli eucaristici

Il significato di alcuni importanti simboli eucaristici: il "JHS", l'agnello immolato, il "XR", il pesce. L'importanza di celebrare solennemente la festa del Corpus Domini. La bellezza delle "infiorate". La processione del Corpus Domini è in assoluto la più importante che si celebra nella Chiesa. Omelia domenica 23 Giugno 2019, solennità del Corpus Domini, santa Messa delle 18:00

Qualche domanda prima di accostarsi alla Comunione...

La festa del Corpus Domini: sue origini e suo significato. L'autentica dottrina cattolica sulla presenza vera, reale e sostanziale di Gesù nell'eucaristia. Attenzione alle comunioni sacrileghe, che trasformano in veleno il farmaco dell'immortalità. Omelia domenica 23 Giugno 2019, solennità del Corpus Domini, santa Messa delle 8:30

Fedeli alla verità e incendiati dall'amore

L'importanza del segno della croce che richiama i primi due misteri della nostra fede. Dio è verità e amore e si comunica a noi come verità e come amore. I suoi figli conoscono la verità e le sono fedeli. Riconoscono e vivono il suo amore, lo ricambiamo e amano ad immagine di come Dio ama. Omelia Domenica 16 Giugno 2019, solennità della Santissima Trinità, anno C, S. Messa festiva

Conosci il tuo Dio?

La conoscenza perfetta che di Dio aveva Adamo prima del peccato originale. Il cammino dell'uomo per conoscere Dio dopo il peccato originale. I modi con cui Dio si è fatto conoscere rettificando le concezioni religiose dell'uomo. La pienezza della rivelazione di Se stesso Dio l'ha attuata rivelando il suo essere Tre persone in un'unica natura Divina. Omelia Sabato 15 Giugno 2019, solennità della Santissima Trinità, anno C, S. Messa prefestiva

Il bene vince sempre

Lo Spirito Santo è il "Dono" per antonomasia, lo è dentro la vita trinitaria e lo è per ciascuno di noi. Donare e donarsi sono gli atteggiamenti normali dell'uomo veramente "spirituale". Operare sempre e comunque il bene, senza stancarsi, senza scoraggiarsi mai e sapendo che il bene, fatto con costanza e perserveranza, vince sempre. Omelia Domenica 9 Giugno 2019, solennità di Pentecoste, anno C, S. Messa ore 11:30

Il nostro Divino Avvocato

Con la Pentecoste comincia la missione della Chiesa, sostenuta, accompagnata e aiutata dallo Spirito Santo. Lo Spirito Santo è il nostro Divino "Paraclito", ossia Avvocato. L'antica funzione dell'avvocato difensore fa comprendere molto bene come lo Spirito Santo opera in noi. Indispensabile acquisire una vita interiore per essere trasformati dalla sua forza e ascoltarne le ispirazioni. Omelia Domenica 9 Giugno 2019, solennità di Pentecoste, anno C, S. Messa ore 8:30

Gesù non ci lascia soli...

L'Ascensione di Gesù non è stata un abbandono, ma solo la sottrazione della percezione sensibile della sua santissima Umanità, oltre che la glorificazione della nostra natura umana. I modi con cui Gesù continua a rimanere presente tra noi, pur rimanendo il "Dio nascosto". Omelia Domenica 2 Giugno 2019, solennità dell'Ascensione, anno C, S. Messa ore 10:30

Lo splendore della Gerusalemme celeste

Gesù glorificato porta l'umanità a quella condizione che tutti riceveremo dopo la risurrezione della carne e la vita nel mondo che verrà. Le immagini della Gerusalemme celeste, che descrivono metaforicamente la sua bellezza e il suo splendore. La Chiesa, Gerusalemme terrena, è la vita obbligata per raggiungere la Gerusalemme celeste, ossia la pienezza della beatitudine. Omelia Domenica 26 Maggio 2019, sesta di Pasqua, anno C, S. Messa ore 10:30

La voce di Dio nella coscienza

Gesù promette di inviare, dopo la sua partenza da questo mondo, lo Spirito Santo, che avrebbe ricordato tutte le sue parole ai suoi e avrebbe loro insegnato ogni cosa. Lo Spirito Santo porta la voce di Dio nella nostra coscienza: come fare per ascoltarlo e come imparare a riconoscerlo. Omelia Domenica 26 Maggio 2019, sesta di Pasqua, anno C, S. Messa ore 8:30

Tutto dipende dall'amore a Gesù

"Se uno mi ama osserverà la mia Parola". "Se uno mi ama, Io e il Padre verremo a Lui e dimoreremo presso di Lui". L'amore a Gesù è il cuore della vita cristiana. Senza di esso il Vangelo diventa chiacchiera o chimera e Dio rimane un illustre sconosciuto. Quando l'amore a Gesù non Gesù significa che non lo si conosce; e non lo si conosce perché non gli si dedicano spazi, tempo e attenzione. Omelia VI Domenica di Pasqua, santa Messa prefestiva, Sabato 25 Maggio 2019

L'autentica vita cristiana

Per entrare nel regno di Dio occorre passare attraverso molte tribolazioni, ma ogni lacrima sarà un gradino di gloria in più e tutte saranno asciugate nella Gerusalemme celeste. Il distintivo della vita cristiana è il comandamento nuovo dell'amore senza misura. Omelia Domenica 19 Maggio 2019, quinta di Pasqua, anno C

Pecore, lupi e capri

Le pecore docili e obbedienti di Gesù crescono nell'amore verso di Lui fino ad arrivare al martirio. Alcuni invece lo combattono, personalmente e nella Chiesa. Altri - e sono la maggioranza - ottenebrano la mente e si limitano a un cristianesimo grigio e di facciata. La Madonna agnella di Dio, icona della felicità divina. Omelia IV Domenica di Pasqua, santa Messa festiva, Domenica 12 Maggio 2019

Chi sono le pecorelle di Gesù

Gesù definisce sue pecore coloro che ascoltano la sua voce, che hanno imparato a conoscere e riconoscere il suo amore e a ricambiarlo e che lo seguono dovunque vada. Egli solo è il Buon Pastore a cui tutti i pastori visibili devono fare necessario riferimento. Omelia IV Domenica di Pasqua, santa Messa prefestiva, Sabato 11 Maggio 2019

Il Maestro e il Signore

L'apparizione di Gesù sulle sponde del lago di Galilea: non più semplicemente il Maestro di Galilea, ma il Signore veramente risorto. Per questa certezza i discepoli da pavidi sono diventati leoni e hanno sfidato il mondo e da amici sono diventati fiamme di amore verso Gesù capaci di incendiare i cuori di tutti gli uomini. Omelia III Domenica di Pasqua, santa Messa festiva, Domenica 5 Maggio 2019, ore 10:30

Lavorare da cristiani

Gesù era conosciuto come "il figlio del falegname". Santificarsi nel lavoro e santificare il lavoro. Come lavora un cristiano, con quale stile e con quale spirito. Tendere alla perfezione nel lavorare. Qualche esempio concreto. Omelia festa di san Giuseppe Lavoratore, 1 Maggio 2019

Eucaristia e Divina Misericordia

La Divina Misericordia ci alimenta alle sue sorgenti di Grazia attraverso la Divina Eucaristia, in cui la condiscendenza, la bontà e la misericordia di Gesù sono presenti in grado sommo. L'eucaristia è mistero di fede ed occorre sempre ravvivare la nostra fede nell'eucaristia. Omelia Domenica "in albis", festa della Divina Misericordia 2019, santa Messa festiva, Domenica 28 Aprile 2019, ore 10:30

L'immagine e la festa della della Divina Misericordia

La storia dell'Immagine e della Festa della Divina Misericordia. Le rivelazioni di Gesù a santa Faustina Kowalska. La retta comprensione della Divina Misericordia. Non abusare della Divina Misericordia. Non dimenticare che insieme alla Divina Misericordia esiste anche la Divina Giustizia. Omelia Domenica "in albis", festa della Divina Misericordia 2019, santa Messa festiva, Domenica 28 Aprile 2019, ore 8:30

Il sacramento della Divina Misericordia

La sera di Pasqua Gesù conferendo agli apostoli il potere di rimettere i peccati istituì il sacramento della penitenza o confessione che è il modo ordinario con cui si ottiene la misericordia di Dio. Quando la confessione è strettamente necessaria e obbligatoria e quanto è solo raccomandata o facoltativa. L'importanza di imparare a ben confessarsi per utilizzare con frutto questo importantissimo sacramento. Omelia Domenica "in albis", festa della Divina Misericordia 2019, santa Messa prefestiva, Sabato 27 Aprile 2019

L'apparenza inganna...

La risurrezione di Gesù non fu vista da nessuno... e Gesù non apparve a nessuno (eccettuata la Madonna) se non dopo aver fatto annunciare la sua risurrezione e mostrato il segno della tomba vuota. Fatto - questo - che poteva essere interpretato in modo umano (come fece la Maddalena) oppure divino (come fece san Giovanni). Varie attualizzazioni del tema. Omelia Domenica 21 Aprile 2019, Domenica di Pasqua, santa Messa delle 10:30

Tempo di cambiamenti...

Pasqua significa "passaggio" dal vecchio al nuovo, dal prima al poi, da ciò che c'era e ciò che c'è. Tempo, dunque, di cambiamenti. Veri e concreti. San Paolo parla di passaggio dalla malizia alla bontà. Alcuni esempi concreti. Posso dire che ho fatto davvero Pasqua?... E che rispetto alla Pasqua di un anno fa è cambiato (in meglio) qualcosa?... Omelia Domenica 21 Aprile 2019, Domenica di Pasqua, santa Messa delle 8:30

La luce della fede

La splendida liturgia della luce della Veglia Pasquale. La fede e la sua importanza decisiva. Come la fede si alimenta. L'evento della risurrezione fu un evento anzitutto annunciato, così come la fede nasce e si alimenta con l'ascolto. Effetti straordinari della fede in un'anima. Omelia Veglia pasquale 2019 (21 Aprile)

Il corpo piagato di Gesù è il ritratto dell'uomo peccatore

La celebrazione del Venerdì santo: sua importanza e sue parti. Il quarto canto del servo di Jahvè e il suo significato: il Corpo piagato di Gesù è il vero ritratto dell’uomo che commette il peccato. Il peccato lo deforma e, mentre è la più bella creatura che uscì dalle mie mani, si rende la più brutta e fa schifo e ribrezzo. La Passione secondo Giovanni: Gesù ha sofferto ed è morto perché lo ha voluto e lo ha voluto per adempiere la volontà salvifica del Padre. Omelia venerdì santo 2019 (19 Aprile), azione liturgica della commemorazione della Passione e morte di Gesù

Avete capito quello che Io ho fatto?...

Il gesto sconcertante della lavanda dei piedi operato da Gesù e il suo significato. La continua umiliazione che Gesù riceve proprio nel più grande sacramento da Lui istituito. Il dono inestimabile del sacerdozio ministeriale, la sua sublime sacralità che continua a risplendere nonostante l'indegnità di coloro che ne sono onorati e insigniti. Omelia Giovedì santo 2019 (18 Aprile), Santa Messa in Coena Domini

Erode, Pilato, Gesmas o Disma?...

Il prodigio di grazia e santità che è è la settimana santa. La Passione di Gesù secondo Luca: Erode, Pilato, il cattivo e il buon ladrone (Gesmas e Disma) sono figure paradigmatiche di diversi e assai distanti modi di rapportarsi con Gesù: quale di essi mi assomiglia di più?... Omelia Domenica 14 Aprile 2019, Domenica di Passione

Fare i conti col passato

"Non pensate più alle cose passate", dice il profeta Isaia. Gesù ci dà la possibilità di portare a Lui tutto il nostro passato e distruggerne tutta la forza negativa devastatrice. Perché questo accada, tuttavia, occorre farci i conti, riconoscere umilmente peccati, errori e situazioni di morte, portare tutto a Gesù e trarre esperienza e insegnamenti anche dai nostri errori. Omelia Domenica 7 Aprile 2019, quinta di Quaresima, anno C

La vera unica novità

Se uno è in Cristo è una creatura nuova. Le cose vecchie sono passate, ne sono nate di nuove. L'unica vera novità è questa, non le molteplici novità che oggi ammaliano e domani passano. Il compimento delle promesse di Dio a Israele e la conversione del figliol prodigo sono due esempi della novità che solo Dio porta nella vita. Fondamentale l'esperienza del rientrare in se stessi e mettersi dinanzi a Dio per verificare la propria vita, le proprie scelte e prendere la giusta direzione. Omelia Domenica 31 Marzo 2019, quarta di Quaresima "Laetare", anno C, santa Messa delle ore 10:30

Pazienza di Dio e recalcitranze dell'uomo

I drammatici episodi raccontati da Gesù nel Vangelo (strage della torre di Siloe e giustizia cruenta di Ponzio Pilato) sono inviti a considerare che una vita priva di conversione, spesa lontano da Dio, non produce altro che male e devastazioni, di cui Dio non ha responsabilità alcuna. Dio è paziente con l'eterno bambino che è l'uomo che non vuole riflettere e accogliere con libertà e gioia il dono della conversione. Ma di questa pazienza non bisogna mai abusarne. Omelia Domenica 24 Marzo 2019, terza di Quaresima, anno C, santa Messa delle ore 10:30

I troppi "no" che l'uomo oppone all'amore di Dio

San Paolo descrive con toni addolorati la drammatica vicenda della pessima corresponsione da parte del popolo di Israele alle grandi grazie ricevute da Dio. Gli Israeliti passarono il tempo della loro peregrinazione nel deserto a misconoscerle e a lamentarsene, tanto da non entrare nella terra promessa. Tutto questo accadde per ammonirci dal non disprezzare, né sprecare, né sciupare le innumerevoli grazie di Dio. Omelia Domenica 24 Marzo 2019, terza di Quaresima, anno C, santa Messa delle ore 8:30

Dio rivela se stesso e il suo amore

La rivelazione di Dio a Mosè sull'Oreb, nel roveto ardente. Dio è luce che illumina e fuoco di amore che scalda e investe la vita di coloro che lo accolgono. Dio è Colui che mantiene sempre le sue promesse e interviene a liberare il suo popolo. Dio è l'eterno e l'immenso, che tutto sa e tutto può e da ogni male sa liberare i suoi figli. L'unico ostacolo può venire dalla cattiva volontà di chi non desiderla conoscerlo, accoglierlo e contraccambiare amore con amore. Omelia Sabato 23 Marzo 2019, santa Messa prefestiva della terza Domenica di Quaresima, anno C

Grande santo, grande uomo

La straordinaria vita di san Giuseppe e il suo grandissimo eroismo. Il suo itinerario di fede, il suo coraggio, la sua prudenza, il suo discernimento, la sua profondissima capacità di pregare, il suo eloquente silenzio. Omelia solennità di san Giuseppe, 19 Marzo 2019

Amici o nemici della Croce?

Molti si comportano da "nemici della croce di Cristo" vantandosi di ciò di cui bisognerebbe vergognarsi ed avendo come Dio il proprio ventre. Noi fedeli di Gesù possiamo dire di avere illuminato il senso della Croce e quindi di vivere come suoi amici? Omelia Domenica 17 Marzo 2019, santa Messa festiva delle 10:30 della seconda Domenica di Quaresima, anno C

La trasfigurazione della fede

La fede di Abramo. La Quaresima è tempo per riscoprire l'immensa portata salvifica della fede ed iniziare a vivere una vita di fede vera, profonda e autentica. Omelia Domenica 17 Marzo 2019, santa Messa festiva delle 8:30 della seconda Domenica di Quaresima, anno C

Ho mai veramente pregato?...

Lettura dell'episodio della Trasfigurazione. Gesù volle mostrare ai suoi discepoli il primato e l'importanza della vera preghiera, le condizioni di cui necessità e i formidabili effetti che produce nell'anima che la vive. Omelia Sabato 16 Marzo 2019, santa Messa prefestiva della seconda Domenica di Quaresima, anno C

Vincere le seduzioni del maligno

La Quaresima è tempo di preghiera e di digiuno per vincere le continue seduzioni del maligno. Quali sono e con quali armi e mezzi le si combattono e vincono. Omelia Domenica 10 Marzo 2019, santa Messa festiva della prima Domenica di Quaresima, anno C

Nutrire l'anima più del corpo...

La Quaresima è tempo di conversione e di riscoperta dell'importanza della fede e delle realtà dello spirito. Abbiamo un'anima e non solo un corpo e la nostra anima che non perisce va nutrita più e prima del corpo che perisce. Quali sono i divini nutrimenti dell'anima. Omelia Sabato 9 Marzo 2019, santa Messa prefestiva della prima Domenica di Quaresima, anno C

La bocca parla dalla pienezza del cuore

Il parlare dell'uomo rivela il suo cuore. Quando il parlare è aspro, offensivo, tagliente, sprezzante, volgare, arrogante, nel cuore non ci può essere niente di buono o di divino. Dolcezza e carità si trovano nella bocca dei veri discepoli di Gesù. Omelia Domenica 3 Marzo 2019, VIII Domenica del tempo ordinario, santa Messa delle 8:30

La perfezione dell'amore

Negli insegnamenti sull'amore al nemico Gesù porta l'uomo fino alla perfezione più sublime dell'amore. In cosa consiste l'amore al nemico. Avere misericordia, guardarsi da facili giudizi e frettolose condanne è stile imprescindibile degli autentici discepoli di Gesù. Omelia Domenica 24 Febbraio 2019, VII Domenica del tempo ordinario, santa Messa delle 10:30

Uomo terreno o uomo celeste?...

Adamo, capostipite del genere umano, portò la decadenza alla razza umana, riducendola a un cumulo di miserie e rinchiudendola dentro il ristretto orizzonte terreno. Gesù ha portato sulla terra l'immagine dell'uomo celeste e dona la possibilità di una vita celestiale, simile alla sua, a tutti coloro che lo accolgono e lo ascoltano. Solo un uomo davvero "celeste" può praticare l'amore al nemico. Omelia Domenica 24 Febbraio 2019, VII Domenica del tempo ordinario, santa Messa delle 8:30

Al male non si risponde col male...

Il grande esempio di re Davide che risparmiò la vita al suo acerrimo persecutore Saul, perché era il consacrato del Signore. Al male non si deve mai rispondere con l'altro male. E noi discepoli di Gesù, abbiamo tante motivazioni per agire in questo modo tutto divino. Omelia Sabato 23 Febbraio 2019, santa Messa prefestiva della settima Domenica del tempo ordinario, anno C

Vita felice o vita piena di guai?...

Avere una vita felice o una vita piena di guai dipende semplicemente dalle scelte che noi facciamo. Dio ci illustra la via della vita e ci spiega come percorrere quella sbagliata produca solo male, guai e maledizioni. Per quanto riguarda Lui, per noi vorrebbe sempre e solo una vita felice e benedetta. Il resto tocca a noi. Omelia Domenica 17 Febbraio 2019, sesta domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva

L'urgenza di una fede salda e ben formata

In questi tempi non c'è più alcun appiglio sociale e culturale a sostegno della fede. Anzi la mentalità corrente tende a ingenerare pensieri e opinioni diametralmente opposti ad essa. L'importanza fondamentale di curare la formazione della propria fede per rimanere saldi dinanzi alla confusione ed evitare il possibile naufragio di essa. Omelia Domenica 10 Febbraio 2019, quinta domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva

Hai incontrato veramente Dio?...

L'esperienza mistica di Isaia, il miracolo a cui assistettero i primi discepoli nella pesca miracolosa, la caduta da cavallo di san Paolo e la predicazione della Chiesa. Modi ordinari e straordinari per avere un'autentica esperienza di Dio. Possiamo dire di averla avuta? Ci mettiamo nelle condizioni di viverla? Omelia Sabato 9 Febbraio 2019, quinta domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Giudizi, pregiudizi e carità

Il rifiuto dei concittadini di Gesù nei confronti del suo ministero e della sua predicazione fu dovuto a enormi e radicati pregiudizi, che sono i più grandi ostacoli nell'accogliere certe grazie del Signore. Esempi concreti e attuali dei danni immensi che producono giudizi e pregiudizi nei confronti degli inviati del Signore. Lo stupendo inno alla carità di san Paolo deve essere il punto di riferimento obbligato di una vita che voglia essere autenticamente cristiana e fonte di confronto nell'esame di coscienza. Omelia Domenica 3 Febbraio 2019, quarta domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva

L'ubbidienza alla Legge del Signore

L'ubbidienza esemplare alla Legge del Signore della Sacra Famiglia di Nazareth nella presentazione di Gesù al Tempio. L'umiltà di Maria Santissima nel sottoporsi al rito della purificazione. L'umiltà di Gesù nel partecipare alla vita religiosa del suo tempo come uno dei tanti. Esempi viventi ed emblematici per tutti noi. Omelia Sabato 2 Febbraio 2019, nella festa della presentazione di Gesù al Tempio

La bellezza e la santità del giorno del Signore

L'importanza del giorno del Signore. Un giorno in cui pensare al cielo, respirare "aria di cielo", soprattutto attraverso la forza santificante della S. Messa nelle sue due parti (liturgia della Parola e liturgia eucaristica). La domenica come giorno del riposo e della gioia. Piccoli ma importanti segni che dovrebbero contraddistinguere questo giorno. Omelia Domenica 27 Gennaio 2019, terza domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva

Il vino di una vita felice

Il significato simbolico del miracolo di Cana: dall'acqua di una vita grigia e senza Dio al vino di una vita di grazia e piena di senso e gioia. Come si fa ad attingere da Gesù il vino nuovo che ci trasforma la vita. Sacramenti e sacramentali. Omelia Domenica 20 Gennaio 2019, seconda domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa festiva

La manifestazione della gloria di Gesù

Le nozze di Cana furono il momento della manifestazione della gloria di Gesù: il suo primo miracolo manifesta la sua vera natura divina e completa il ciclo dell'Epifania, dove dapprima gli uomini attraverso i Magi lo adorarono come Dio e poi il Padre lo dichiarò tale al momento del Suo Battesimo. Omelia Sabato 19 Gennaio 2019, seconda domenica del tempo ordinario, anno C, santa Messa prefestiva

Il dono del Battesimo: come valorizzarlo al massimo

Il Battesimo di Gesù fu anche il fondamento del nostro Battesimo. Gli effetti del sacramento del Battesimo e la dignità dei battezzati. Il sacramento del Battesimo deve essere ravvivato continuamente nei sacramenti che si possono ripetere (penitenza ed eucaristia): forme e modi differenti in cui farlo. Omelia Domenica 13 Gennaio 2019, festa del Battesimo del Signore, santa Messa festiva

Prossimità e vicinanza con tutti

L'inesprimibile e infinita umiltà con cui Gesù si sottopone al rito di penitenza del Battesimo di Giovanni, confondendosi con i peccatori. Fu quello il momento in cui il Padre ne affermò la figliolanza e il compiacimento che provava per Lui. I discepoli di Gesù non possono che seguire il suo stile: imparando a farsi prossimi e vicini a tutti, per portare la testimonianza dell'amore di Gesù verso ogni anima. Omelia Sabato 12 Gennaio 2019, festa del Battesimo del Signore, santa Messa prefestiva

I credenti, gli avversari e gli ipocriti

L'Epifania ci pone davanti tre figure: i Magi, simbolo di coloro che riconoscono, accolgono e giungono ad adorare Gesù (importanza del silenzio); Erode, simbolo di coloro che lo rifiutano, lo avversano e lo combattono; gli scribi e i sacerdoti, che tutto sapevano e potevano e dovevano accoglierlo meglio e prima di tutti e per i quali purtroppo Gesù venne invano, simbolo di coloro che vivono una religione superficiale e ormai completamente mondanizzata e secolarizzata. Omelia Domenica 6 Gennaio 2019, Solennità dell'Epifania, S. Messa festiva delle ore 10:30

Fede, ragione e cuore

L'avvincente e significativo itinerario di conversione dei Magi. Dalla scoperta dei segni astrali all'adorazione di Gesù Bambino. L'intelligenza aperta e contemplante è la prima porta con cui il Signore parla al cuore dell'uomo che desidera conoscerlo e ascoltarlo. Il cuore prosegue il viaggio, la fede lo porta a compimento. Omelia Sabato 5 Gennaio 2019, Solennità dell'Epifania, S. Messa prefestiva

Dio ci benedica e ci dia pace!

Invocare la benedizione di Dio sull'anno che comincia è gesto di grandissima fede. Le preghiere del mattino e della sera. La pace viene anzitutto dalla comunione con Dio. Celebrare bene il sacramento della riconciliazione, specie con una buona confessione generale. Dalla pace con Dio scaturisce la pace con se stessi e con il prossimo. Omelia Martedì 1 Gennaio 2019, Solennità di Maria SS.ma Madre di Dio e giornata mondiale della pace, Santa Messa delle ore 10:30