Omelie di don Leonardo Maria Pompei, 2020


Raccolta delle omelie di don Leonardo Maria Pompei tenute durante le Messe domenicali e festive dell'anno 2020
Perché Gesù pianse davanti alla tomba di Lazzaro

La vera amicizia che disse Gesù. Il suo orrore dinanzi alla tragedia della morte, vera negazione e contraddizione della Vita che è Dio. Il Suo immenso dolore dinanzi alla causa della morte e di ogni morte ossia il peccato. Dio sa sempre quello che fa anche (anzi soprattutto) quando ciò a noi non sembra. Omelia domenica 29 Marzo 2020, quinta di Quaresima anno A

Siamo luce, non tenebre!

Gesù ci guarisce dalla nostra condizione di cecità congenita, purché ci riconosciamo ciechi e non pretendiamo o supponiamo di vederci bene. Ci dà la luce della fede e del discernimento, la capacità di vedere le cose in modo divino e la luminosità di una grande santità. Omelia IV domenica di Quaresima, Laetare, anno A, 22 Marzo 2020

Ciò che conta davvero: stare in grazia di Dio

La liturgia della III domenica di Quaresima è polarizzata sul tema dell’acqua viva, simbolo della Divina Grazia. Quanto battezzati trascurano con estrema disinvoltura la vita di grazia! E quanti si accostano ai sacramenti con superficialità, approssimazione e, talora, perfino irriverenza. Riscopriamo che la vita della Grazia (esserci e custodirla) è l’unica cosa che conta, ciò che viene prima e innanzitutto. Omelia domenica 15 Marzo, terza di Quaresima

Più importante il corpo o l'anima?...

La grande fede di Abramo e la grande crisi di fede che attanaglia i nostri difficili e tristi giorni. Una lettura cattolica dell'attuale difficile situazione e la necessità di ripristinare le debite priorità. Omelia Domenica 8 Marzo 2020, II di Quaresima, anno A

Il coraggio dell'ascesi e della conversione

La Domenica della Trasfigurazione e il suo significato nell'itinerario quaresimale. Un incoraggiamento a perseverare, con coraggio e determinazione, nel cammino penitenziale, ascetico e di conversione, intrapreso, forti della certezza della divinità di nostro Signore e che ogni sacrificio e penitenza saranno ampiamente fruttuosi e ricompensati e culmineranno nella gioia e nella beatitudine della Pasqua, sia quella terrena che quella eterna. Omelia Sabato 7 Marzo 2020, seconda di Quaresima, anno A, Santa Messa prefestiva

Come discernere e stanare le insidie del diavolo

Gesù combatté e vinse il diavolo nel deserto. Se non impariamo a fare silenzio, ad entrare in noi stessi, non riusciremo mai a discernere le trappole diaboliche del diavolo e le sue sottili e insinuanti tentazioni. Il maledetto ha come scopo farci dormire e marcire nel peccato senza che nemmeno ce ne accorgiamo e incatenarci con i lacci delle tentazioni fino a renderci schiavi. Lo si può combattere e vincere ma occorre: silenzio, riflessione e seri esami di coscienza; vivere in grazia di Dio; non parlare mai e non discutere con la tentazione. Omelia Domenica 1 Marzo 2020, prima di Quaresima, anno A

Qual è la differenza tra un cristiano e un non cristiano?...

Le esigenze del Vangelo sono espressione di una sapienza che viene dall'Alto e che si distingue enormemente da quella mondana. I discepoli di Gesù necessariamente devono distinguersi dai loro fratelli e sorelle che cristiani non sono: altrimenti, pur essendo battezzati, certamente non vivono la vita di Grazia e non possono autenticamente dirsi cristiani. Omelia Domenica 23 Febbraio 2020, VII Domenica del tempo ordinario dell'anno A, santa Messa ore 10:30

Chiederci qualche sano (e santo) perché...

"Siate santi perché io sono santo". L'antico invito alla santità e i contenuti in cui si esplicava: non odiare, non vendicarsi e non serbare rancore. Perché tanto disamore tra gli uomini? Se non si ama se stessi, non si può amare il prossimo... chiedersi e interrogarsi sul perché e sulle radici profonde di tanti problemi e disamori che abbiamo anzitutto con noi stessi. Omelia Domenica 23 Febbraio 2020, VII T.O. anno B, santa Messa ore 8:30

Amate i nemici per essere perfetti come come il Padre

Il Cristiano si distingue e si deve distinguere sia dai Pagani che dai pubblicano: non ama solo quelli che lo amano e non saluta solo chi gli vuole. Ma ama i propri nemici con un volontario, divino ed eroico atto di volontà, in obbedienza al suo Maestro e in conformità con l’Esempio che Egli ci ha lasciato. Omelia sabato 22 Febbraio 2020, VII Domenica del tempo ordinario, anno A, santa Messa prefestiva

Non commettere adulterio o non commettere atti impuri?

Gesù amplia e completa l'antica formulazione del sesto comandamento. Va alla radice dell'adulterio e, più in generale, della lussuria spiegando come l'occhio abbia grandissima parte nel far sorgere i desideri (che se consentiti già sono peccati mortali) e ogni altro disordine. Le eloquenti e immodificabili parole e insegnamenti di Gesù sul divorzio. Amore alla verità e fedeltà alla parola data. Omelia Domenica 16 Febbraio 2020, santa Messa ore 10:30

Siamo sicuri di non aver mai ucciso nessuno?...

Gesù completa portando a pieno compimento il quinto comandamento e così smonta l'illusione di chi pensa di aver mai ucciso nessuno: adirarsi, insultare e disprezzare il prossimo sono peccati contro il quinto comandamento; il dovere di riconciliarsi con chi ce l'ha con noi; evitare la litigiosità. Omelia domenica 16 febbraio 2020, sesta del tempo ordinario, anno A, Santa Messa ore 8:30

Legge e giustizia di Dio

Gesù è venuto a dare pieno compimento alla Divina e immutabile legge di Dio. Dio ci offre in dono i comandamenti e vuole che volontariamente e liberamente dopo averli ben conosciuti e compresi li viviamo e mettiamo in pratica con gioia e per la nostra benedizione. Chi vive nell’amicizia di Dio riceve bene e benedizioni; chi da Lui si allontana ne avrà il male che lui stesso genero e provoca. Anche in questo senso è da intendere la giustizia di Dio, che rende a ciascuno secondo le sue opere. Omelia sabato 15 Febbraio 2020, VI Domenica del tempo ordinario, anno A, santa Messa prefestiva

Siamo luce del mondo!

Gesù definisce i suoi discepoli luce del mondo per le buone opere compiute. Il profeta Isaia ne dà una splendida sintesi: opere di misericordia, opere di carità e opere di giustizia. Omelia domenica 9 febbraio 2020, quinta del tempo ordinario, anno A

Fede e sapienza del cristiano

"Voi siete il sale della terra". Essere "sale" allude alla fede e alla sapienza che deve contraddistinguere il cristiano, che ha luce e sapienza sui più profondi misteri dell'uomo. In particolare La Sapienza rifulge nella follia e nello scandalo della croce. Omelia Sabato 8 Febbraio 2020, Quinta Domenica del tempo ordinario, santa Messa prefestiva

Quanto è bello avere una grande Fede!

La festa della presentazione di Gesù al Tempio e il suo significato. La festa della fede: le lampade accese sono simbolo della fede. La fede ci mette in contatto certissimo con verità non naturalmente e ordinariamente accessibili, che sono comunque vere sempre e per tutti ma che solo la luce della fede ci fa cogliere e vivere in tutta la loro bellezza anche in questa vita. Omelia Domenica 2 Febbraio 2020, Festa della presentazione di Gesù al Tempio ("Candelora), anno A

W la Parola di Dio

La Domenica della Parola di Dio: importanza della Parola di Dio e il suo primato. L'ascolto mediato e l'ascolto personale della Parola di Dio. Il messaggio di questa domenica: a Dio bisogna dare tutto e subito. Mai cadere nella trappola dei personalismi, delle fazioni e dell'idolatria delle persone, dimenticando che uno è Gesù e Lui solo è il Salvatore, gli altri solo suoi poveri e inutili strumenti, diversi ma mai da contrapporre l'uno all'altro. Omelia Domenica 26 Gennaio 2020, III Domenica del tempo ordinario, anno A, prima Domenica della Parola di Dio

La conversione

Gesù disse: “convertitevi”. Nel giorno del grande convertito San Paolo (25 Gennaio), è bene riflettere sulla conversione, che consiste nell’essere profondamente illuminati e rendersi conto degli abbagli presi, degli sbagli commessi e dei peccati fatti pur senza piena consapevolezza o magari pensando di essere nel giusto, nel vero o addirittura di fare cosa gradita a Dio. Necessaria grande umiltà e apertura di cuore per accogliere la grazia della conversione. Omelia sabato 25 Gennaio 2020, III domenica del tempo ordinario anno A, festa della conversione di San Paolo e prima domenica della Parola di Dio

Vincere satana

Gesù luce delle nazioni e colui che toglie il peccato del mondo. Il peccato, instillato come veleno da satana, è la causa di tutti i mali del mondo. Gesù ha vinto satana e ne ha distrutto le opere. I padri del deserto sfidarono satana e lo vinsero. I cristiani possono e devono vincere satana e le sue seduzioni nel nome di Gesù. Omelia Domenica 19 Gennaio 2020, II Domenica del tempo ordinario, anno A

La vita dell'anima è simile a quella del corpo

Dal Battesimo del Signore sgorga come da Divina fonte il nostro Battesimo. Il Battesimo è la rinascita dell'anima per la vita eterna, come la nascita corporale lo è per la vita terrena. La vita dell'anima è simile a quella del corpo: come si nasce una volta sola, ma bisogna lavarsi e nutrirsi per per vivere degnamente e in modo sano sulla terra, così c'è un solo Battesimo, ma occorre lavare frequentemente l'anima col sacramento della penitenza e nutrirla con il sacramento dell'eucaristia. Altimenti l'anima diventa un letamaio e la vita della Grazia inevitabilmente muore. Omelia Domenica 12 Gennaio 2020, Festa del Battesimo del Signore, anno A

Fedeli imitatori dell’Umile e del Mansueto

In occasione dell’estrema umiliazione del suo battesimo da parte del Battesimo, il Padre manifestò la sua compiaciuta paternità verso l’Umile per antonomasia, il suo Servo fedelissimo che avrebbe fatto dell’umiltà unita ad una indescrivibile mansuetudine la bandiera del suo stile inconfondibile. Chi vuol essere suo discepolo deve conformarsi a tale mirabile esempio e modello di perfezione e santità. Omelia Sabato 11 Gennaio 2020, festa del Battesimo del Signore, santa Messa prefestiva

Adorare Gesù è il cuore della nostra vita cristiana

Il viaggio e la fede dei Re Magi che, pur non essendo credenti ebrei, giunsero a riconoscere e adorare Gesù per quello che era. Il significato simbolico dei loro doni, in relazione alla loro considerazione di Gesù e a ciò che c'era nel loro cuore (e dovrebbe esserci nel nostro) nei suoi confronti. Ho mai davvero adorato Gesù? Gli ho mai parlato a cuore a cuore? Lo riconosco come mio Dio? Omelia Lunedì 6 Gennaio 2020, Solennità dell'Epifania, Santa Messa ore 10:30

Quali feste celebriamo? Quelle cristiane o quelle neopagane?

Nella Santa Messa dell'Epifania viene dato l'annuncio del giorno di Pasqua e delle altre stupende festività del Signore dell'anno liturgico. Ma quanti cattolici, anziché celebrare e festeggiare il loro Dio e Signore, si sono fatti completamente assorbire dalla mentalità pagane e mondana e celebrano ben altro, spesso anche dimenticandosi di Colui che è l'Unico che dovrebbe essere amato, adorato e festeggiato? Omelia solennità dell'Epifania, Lunedì 6 Gennaio 2020, Santa Messa ore 8:30

Il secondo pensiero di Dio: Maria...

Il secondo pensiero creativo della Santissima Trinità: la Santissima Vergine, ossia la Creatura per mezzo della quale si sarebbe compiuta l'incarnazione e l'Unica che diede a Dio la gioia di poter contemplare la bellezza da Lui creata senza che fosse rovinata e deturpata dal peccato (come in tutti gli altri membri della razza umana). Omelia Domenica 5 Gennaio 2020, seconda domenica dopo Natale, santa Messa ore 10:30

Il primo pensiero di Dio: Gesù...

Il primo pensiero creativo della Santissima Trinità fu il Verbo incarnato. Cristo non è solo il Redentore e il Restauratore del genere ma Colui per mezzo del quale e, soprattutto, ad immagine del quale fu fatto e creato tutto ciò che è, in ogni grado di essere. Omelia Domenica 5 Gennaio 2020, seconda domenica dopo Natale, santa Messa delle ore 8:30

Solo nella fede si aprono orizzonti divini e sconfinati

Altro è quello che noi, poveri mortali vediamo e percepiamo, e ben altro è ciò che è profondamente vero e reale. Solo la fede Divina e Cattolica ci apre ad una pallida conoscenza dei prodigiosi e portentosi disegni e progetti dell’Altissimo che rimangono sconosciuti e insondabili alla maggior parte dei mortali. Omelia sabato 4 Gennaio 2019, seconda domenica dopo Natale, santa Messa prefestiva

Chi ben comincia è a metà dell'opera

L’importanza di cominciare l’anno con il canto del Veni Creator che ci ricorda come prima di intraprendere ogni cosa dobbiamo umilmente chiedere l’aiuto a Dio. Il grande segreto della santità di Maria e il motivo per cui fu tanto grande da meritare di essere scelta come Madre di Dio. Omelia 1 Gennaio 2020, solennità di Maria SS.ma Madre di Dio

Un modo diverso di chiudere e iniziare l'anno

Chiudere e iniziare l'anno con Gesù e Maria. Niente di più bello... Omelia prima Messa dell'anno 2020, durante la veglia di preghiera di Capodanno